Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Recovery plan Brexit Coronavirus

Ue contro la Russia: "L'annessione della Crimea rimane sfida alla sicurezza internazionale"

Roma – Nella bufera diplomatica che imperversa tra Londra e Mosca per la vicenda dell’ex spia russa avvelenata nel Regno unito, l’intervento dell’Alto rappresentante dell’Unione europea, Federica Mogherini, rischia di aggiungere tensione. In anticipo di un paio di giorni sulla scadenza che cade il 18 aprile, la vicepresidente dell’esecutivo comunitario ha diramato una dichiarazione infuocata, nella quale l’Unione europea “ribadisce di non riconoscere e di continuare a condannare” l’annessione “illegale della Repubblica autonoma di Crimea e della città di Sebastopoli”.

L’Ue “mantiene il suo fermo impegno a favore della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina”, si legge ancora nel documento. Bruxelles “non riconosce” le elezioni indette nella penisola – anche lì si potrà votare per le presidenziali russe di domenica prossima – e condanna la “militarizzazione in corso” e il peggioramento dei diritti umani da quando Mosca ha deciso l’annessione. Mogherini rinnova poi “la richiesta di rilascio immediato per Oleh Sentsov, Oleksandr Kolchenko, Mykola Semena e tutti coloro che sono stati detenuti e condannati in violazione del diritto internazionale”.

La condanna espressa dall’alto rappresentante, sebbene slegata dalla disputa tra Regno unito e Federazione russa dopo l’avvelenamento di Segei Skripal, alimenta le pressioni nei confronti del Cremlino. Pressioni esercitate anche dal presidente del consiglio italiano, Paolo Gentiloni, che in una telefonata alla premier britannica Theresa May ha indicato la necessità che la Nato e l’Ue manifestino solidarietà a Londra.

La dichiarazione dell'Alto rappresentante Mogherini, a quattro anni dalla violazione dell’integrità territoriale ucraina, si aggiunge alle tensioni già alte sull'asse Londra-Mosca
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Politica Estera

Vertici UE ad Ankara per tendere la mano a Erdogan. Von der Leyen avverte: "Diritti umani non negoziabili"

I presidenti di Commissione e Consiglio in visita in Turchia per discutere di come rilanciare un dialogo costruttivo. Michel: "Ora alla Turchia cogliere questa opportunità in modo solido e sostenibile". Von der Leyen "molto preoccupata" che Ankara si sia chiamata fuori dalla Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne: "Segnale sbagliato"
Exit mobile version