Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Recovery plan Brexit Coronavirus
Evi (M5S), al via l’iniziativa per porre fine all'utilizzo delle gabbie negli allevamenti europei

Evi (M5S), al via l’iniziativa per porre fine all'utilizzo delle gabbie negli allevamenti europei

Bruxelles – Un milione di firme per vietare le gabbie negli allevamenti dell’Unione europea. ‘End the Cage Age’, questo il nome dell’Iniziativa dei Cittadini Europei (Ice) promossa dall’europarlamentare Eleonora Evi (M5S), che sarà lanciata domani al Parlamento europeo.

“Abolire totalmente l’uso delle gabbie oggi si può e si deve fare”, ha affermato Evi, in modo tale da “rispondere a cittadini sempre più consapevoli e informati che credono in un modello di produzione e consumo rispettoso degli animali, dell’ambiente e delle persone”.

Nel corso dell’evento interverranno sedici eurodeputati; a seguire vi saranno numerosi interventi tra cui quello di un agricoltore, di un rappresentante dell’industria alimentare e di nove Ong. Alle 13 sarà inaugurata la mostra interattiva sui metodi di allevamento alternativi all’utilizzo delle gabbie.

“In Europa circa 300 milioni di animali sono confinati in gabbie e privati della possibilità di muoversi in modo naturale. Conigli, galline, scrofe, anatre e quaglie passano la vita in gabbia. È ora di superare questo sistema di trattamento che infligge solo sofferenze agli animali. Il Trattato di Lisbona definisce gli animali quali esseri senzienti e, dunque, è nostro compito tutelarli”, ha concluso Evi.


Questo contributo è stato pubblicato nell'ambito di "Parliamo di Europa", un progetto lanciato da Eunews per dare spazio, senza pregiudizi, a tutti i suoi lettori e non necessariamente riflette la linea editoriale della testata.

ARTICOLI CORRELATI

Efficienza edifici, l'UE verso standard minimi di prestazione energetica nella nuova direttiva
Green Economy

Efficienza edifici, l'UE verso standard minimi di prestazione energetica nella nuova direttiva

Aperta fino al 22 giugno la consultazione pubblica sulla revisione della direttiva sul rendimento energetico nell'edilizia per incontrare l'obiettivo di raddoppiare il tasso di rinnovamento energetico annuale delle abitazioni e degli edifici non residenziali entro il 2030, come previsto dalla strategia Renovation Wave. La direttiva confluirà nel pacchetto normativo "Fit for 55"