Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Recovery plan Brexit Coronavirus
De Castro: Vino italiano solo con uve italiane. Corretto l'errore della Commissione Ue

De Castro: Vino italiano solo con uve italiane. Corretto l'errore della Commissione Ue

Bruxelles – “’Nessun rischio che i viticoltori europei possano chiamare ‘italiano’ il vino prodotto con uve straniere. Grazie ad un lavoro di squadra con i rappresentanti del settore in Italia abbiamo fatto notare l’errore alla Commissione Ue che ha corretto il testo dell’atto in applicazione della normativa europea. Decisivo è stato il ruolo del Parlamento europeo”. Lo ha detto oggi a Bruxelles Paolo De Castro (Pd), primo vicepresidente della Commissione agricoltura del Parlamento Ue, commentando la rettifica al regolamento della Commissione europea, in cui chiarisce che l’indicazione di origine che accompagna i vini ‘varietali’ (che riportano in etichetta solo il nome di uno o più varietà di uve) dovrà corrispondere al luogo in cui le uve sono state raccolte e non solo trasformate in vino.

”Ancora una volta – ha indicato l’eurodeputato del Pd – la nostra vigilanza e il nostro intervento è stato premiato. Infatti, appena il Parlamento ha ricevuto per verifica il testo controverso dell’Esecutivo, abbiamo chiesto di portare il tempo di consultazione dagli iniziali 2 mesi a quattro, invitando poi la Direzione generale dell’agricoltura a spiegare in Commissione Agricoltura la sua posizione. Di fronte all’evidenza dei rischi per il settore e per i consumatori, i funzionari del commissario Phil Hogan non hanno esitato a portare le rettifiche necessarie”.

“E ‘ l’ennesimo esempio – ha proseguito De Castro – del ruolo importante che svolge il Parlamento europeo per garantire la trasparenza e la qualità degli alimenti, ma anche la tutela dei nostri viticoltori contro coloro che vogliono sfruttare il loro ‘savoir-faire’”.

“Non abbiamo mai abbassato la guardia e continueremo a farlo anche nella prossima legislatura”, ha concluso De Castro.

Efficienza edifici, l'UE verso standard minimi di prestazione energetica nella nuova direttiva
Green Economy

Efficienza edifici, l'UE verso standard minimi di prestazione energetica nella nuova direttiva

Aperta fino al 22 giugno la consultazione pubblica sulla revisione della direttiva sul rendimento energetico nell'edilizia per incontrare l'obiettivo di raddoppiare il tasso di rinnovamento energetico annuale delle abitazioni e degli edifici non residenziali entro il 2030, come previsto dalla strategia Renovation Wave. La direttiva confluirà nel pacchetto normativo "Fit for 55"