Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Recovery plan Brexit Coronavirus

Ue, no al Nutriscore da sette Paesi. Federalimentare plaude il "blitz" dell’Italia

Bruxelles – “Ritengo molto importante che l’Italia abbia già trovato un solido gruppo di alleati contro l’avvento di un sistema fuorviante per i consumatori ed estremamente penalizzante per tutta la filiera alimentare italiana”, ha dichiarato il presidente di Federalimentare, Ivano Vacondio, secondo il quale “va ristabilito il principio che il consumatore debba essere pienamente informato, ma non condizionato dall’alto nelle sue scelte e nelle sue preferenze”. “Sono certo – ha proseguito Vacondio – che l’approccio educativo del sistema proposto dall’Italia sarà accolto con sempre maggiore interesse, anche perché più rispettoso della cultura e delle tradizioni alimentari di ogni Paese”.

Il riferimento del presidente di Federalimentare è al documento contro il Nutriscore presentato oggi al Consiglio europeo dei ministri dell’Agricoltura dalle delegazioni di Italia e Repubblica Ceca, anche a nome di Cipro, Grecia, Lettonia, Romania e Ungheria. “I codici a colori – si legge nel testo – non hanno dimostrato di essere efficaci nell’aiutare il consumatore a valutare il reale valore e la qualità dei cibi. Perciò, un’etichetta nutrizionale armonizzata a livello UE dovrebbe considerare i cibi nel più ampio contesto delle esigenze quotidiane di una dieta sana, incoraggiando la varietà, la moderazione e un corretto equilibrio tra i vari gruppi di alimenti”. Il documento pone una serie di paletti alla volontà della Commissione Europea di proporre, nell’ambito della “Farm to Fork Strategy”, un sistema di etichettatura nutrizionale obbligatorio armonizzato a livello comunitario. I Paesi firmatari, in particolare, affermano che un eventuale sistema europeo non dovrà compiere una valutazione complessiva del prodotto, ma offrire al consumatore “informazioni fattuali”. È una chiara bocciatura del Nutriscore, anche perché il testo sottoscritto dai sette governi respinge sia l’utilizzo dei colori come strumento di valutazione degli alimenti, sia il generico riferimento a 100 grammi di prodotto usato dal sistema francese, che penalizza l’olio d’oliva, il parmigiano e tanti altri prodotti di qualità normalmente consumati in piccole porzioni. I Paesi firmatari, infine, avvertono che soluzioni determinate dal mercato non debbano anticipare le decisioni delle istituzioni, nazionali ed europee.

L’Italia ha recentemente varato un proprio sistema di etichettatura fronte pacco, il Nutrinform Battery, il cui approccio è totalmente alternativo al Nutriscore, perché informa i cittadini senza influenzarne indebitamente le decisioni e si basa sulla dieta generale invece che sul consumo del singolo prodotto. Lo schema costituisce la proposta ufficiale italiana per l’armonizzazione a livello UE e il governo, una volta ricevuto il necessario via libera dalla Commissione Europea nel luglio scorso, ha intensificato la propria azione volta ad allargare ulteriormente la base di consenso.

“Ringrazio il governo e in particolare i ministri Di Maio, Amendola e Bellanova per la decisione e la tenacia con cui difendono il made in Italy agroalimentare dall’insidia del Nutriscore, uno schema di etichettatura assolutamente incompatibile con la cultura alimentare e la tradizione italiana”, ha concluso Vacondio.

Pieno appoggio da parte di Filiera Italia all’operato in Europa della Ministra Bellanova per superare il Nutriscore  “un sistema semplicistico e fuorviante  – lo definisce Luigi Scordamaglia, il consigliere delegato di Filiera Italia –  che non tutela i consumatori ”.

Ancora una volta da Filiera Italia si ribadisce che la vera risposta che garantisce utenti e processi di trasparenza è rappresentata dal Nutriform, l’etichetta a batteria  “ Una proposta italiana che non si limita a demonizzare o promuovere un cibo a seconda della presenza o meno di un nutriente, senza in nessun modo prendere in considerazione la  presenza di quell’alimento all’interno di un regime alimentare completo”.

E conclude Scordamaglia “ Non dimentichiamo inoltre che la proposta avanzata dall’Italia, escludendo Dop e Igp, rappresenta un precedente importante per sancire l’unicità delle grandi eccellenze Made in Italy, prodotti di altissimo valore che non devono essere assimilati o banalizzati con qualsiasi meccanismo di etichettatura nutrizionale”.

“Bene l’alleanza europea contro l’etichetta nutrizionale a semaforo e il Nutriscore sugli alimenti, che sono sistemi fuorvianti, discriminatori ed incompleti che finiscono per escludere paradossalmente dalla dieta alimenti sani e naturali che da secoli sono presenti sulle tavole per favorire prodotti artificiali di cui in alcuni casi non è nota neanche la ricetta”. E’ quanto afferma la Coldiretti nell’esprimere apprezzamento per l’iniziativa del Ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova.

Un “non paper” presentato al Consiglio Agricoltura boccia le etichette a semaforo e chiede un sistema che offra “informazioni fattuali” al consumatore. Vacondio: “Sistema italiano più educativo e rispettoso delle tradizioni”
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Green Economy

Efficienza edifici, l'UE verso standard minimi di prestazione energetica nella nuova direttiva

Aperta fino al 22 giugno la consultazione pubblica sulla revisione della direttiva sul rendimento energetico nell'edilizia per incontrare l'obiettivo di raddoppiare il tasso di rinnovamento energetico annuale delle abitazioni e degli edifici non residenziali entro il 2030, come previsto dalla strategia Renovation Wave. La direttiva confluirà nel pacchetto normativo "Fit for 55"
Exit mobile version