Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Recovery plan Brexit Coronavirus

Green Deal non solo in Ue. La Commissione vuole aiutare Balcani occidentali e Ucraina a liberarsi del carbone

Bruxelles – Green Deal non solo nei Paesi dell’Unione europea. La Commissione vuole sostenere la transizione energetica anche nei partner strategici di vicinato, aiutando Balcani Occidentali e Ucraina a liberarsi dal carbone verso una economia a zero emissioni di carbonio. Diciassette regioni tra Bosnia Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia e Ucraina sono coinvolte nell’iniziativa dell’Ue, perché registrano attività consistenti di estrazione del carbone e produzione di energia ancora molto legata all’uso di combustibili fossili. Con il sostegno dell’Ue potranno sviluppare tabelle di marcia per guidare la transizione.

Oltre a creare piattaforme di dialogo e gemellaggi con altre regioni carbonifere dell’Ue, con un nuovo Segretariato Bruxelles vuole guidare le regioni di Vicinato ad accedere ai finanziamenti per progetti o programmi di transizione, lanciati dalla Commissione Europea, dalla Banca Mondiale e dalla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo. Tra le varie ambizioni dell’iniziativa, anche l’introduzione di un’accademia del carbone per fornire corsi di formazione su temi come recupero ambientale e il riutilizzo di terreni e risorse.

Diciassette regioni tra Bosnia Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia e Ucraina coinvolte nell'iniziativa Ue per decarbonizzare le loro economie. Potranno sviluppare insieme a Bruxelles tabelle di marcia per guidare la 'giusta transizione'
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login
Green Economy

Efficienza edifici, l'UE verso standard minimi di prestazione energetica nella nuova direttiva

Aperta fino al 22 giugno la consultazione pubblica sulla revisione della direttiva sul rendimento energetico nell'edilizia per incontrare l'obiettivo di raddoppiare il tasso di rinnovamento energetico annuale delle abitazioni e degli edifici non residenziali entro il 2030, come previsto dalla strategia Renovation Wave. La direttiva confluirà nel pacchetto normativo "Fit for 55"
Exit mobile version