Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Recovery plan Brexit Coronavirus
Charles Michel, presidente del Consiglio europeo

Michel a Putin: I rapporti UE-Russia non sono buoni, dovete rispettare i diritti umani

Bruxelles – In vista della riunione del Consiglio europeo del 25 e 26 marzo, c’è stata oggi (22 marzo) una telefonata tra il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente della Federazione russa Vladimir Putin sulle relazioni bilaterali.

Una nota di Bruxelles spiega che Michel “ha espresso l’opinione che i legami UE-Russia siano a un punto basso” e che “vi è disaccordo in molte aree”.

Dal punto di vista dell’UE, ha spiegato Michel a Putin,  le relazioni con la Russia “possono prendere una direzione diversa solo se si registrano progressi costanti su questioni come l’attuazione degli accordi di Minsk, l’arresto degli attacchi ibridi e informatici agli Stati membri e il rispetto dei diritti umani”. In questo contesto l’ex premier belga ha sollevato il caso di Alexey Navalny, “ribadendo l’appello dell’UE alle autorità russe di rilasciarlo e di procedere con un’indagine trasparente sull’attentato a lui”

I due presidenti hanno anche affrontato la questione COVID e vaccini, e a quanto si apprende anche in particolare dell’esame che l’Agenzia europea del farmaco sta conducendo sul siero Sputnik.

In una telefonata il presidente del Consiglio europeo chiede al presidente russo il rispetto degli accordi di Minsk, lo stop agli attacchi informatici e trasparenza sulla vicenda Navalny
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login
Politica Estera

Vertici UE ad Ankara per tendere la mano a Erdogan. Von der Leyen avverte: "Diritti umani non negoziabili"

I presidenti di Commissione e Consiglio in visita in Turchia per discutere di come rilanciare un dialogo costruttivo. Michel: "Ora alla Turchia cogliere questa opportunità in modo solido e sostenibile". Von der Leyen "molto preoccupata" che Ankara si sia chiamata fuori dalla Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne: "Segnale sbagliato"
Exit mobile version