Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Recovery plan Brexit Coronavirus

Vino, Commissione UE vuole rafforzare la banca dati contro le frodi

Bruxelles – L’Unione Europea vuole rafforzare il quadro giuridico della banca dati per l’analisi chimica del vino, per proteggerne identità, origine e qualità. La banca dati serve, ad esempio, per rilevare l’aggiunta di acqua o zucchero dentro le miscele o per verificarne l’origine geografica.

L’Esecutivo europeo ha quindi aperto ai contributi fino al 13 aprile il suo progetto di regolamento e per combattere le frodi si propone di fissare scadenze per i Paesi dell’UE per la trasmissione delle analisi, di riorientare la banca dati sui vini con indicazioni geografiche, e infine di introdurre una relazione annuale sui risultati delle verifiche effettuate.

L’esecutivo stima un impatto economico derivato dalle frodi legate al vino in 1,3 miliardi di euro all’anno (circa il 3,3 per cento delle vendite), con il furto delle origini e l’aggiunta di zucchero o acqua che sono le violazioni più comuni.

Proteggerne identità, origine e qualità dalle frodi, il più delle volte associate all'aggiunta di zucchero o acqua alle miscele o al furto dell'origine geografica. Bruxelles stima perdite per 1,3 miliardi di euro all'anno e ha aperto ai contributi fino al 13 aprile il progetto di regolamento per rafforzare il quadro giuridico
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Notizie In Breve

Vino, commissione Agricoltura vota per accelerare l'estensione degli aiuti anticrisi

Con 40 voti favorevoli e 5 contrari la Commissione AGRI del Parlamento europeo ha approvato il regolamento della Commissione per estendere al 2021 le misure eccezionali adottate nel 2020 per il settore vitivinicolo dell'Ue, messo alla prova dalla pandemia e dai dazi innescati dalla disputa Airbus-Boeing. Settimana prossima atteso il via libera dall'intero Parlamento in seduta plenaria. "Faremo del nostro meglio per garantire che il pacchetto sia approvato il prima possibile", ha assicurato il presidente della commissione per l'agricoltura Norbert Lins
Exit mobile version