Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Recovery plan Brexit Coronavirus
(fonte: NATO)

NATO, sempre più in salita il dialogo con la Russia: "Abbandoni aggressività e rilasci subito Navalny"

Bruxelles – Non accenna a diminuire la tensione sul fronte orientale dell’Alleanza atlantica e il dialogo con la Russia diventa ogni giorno sempre più complicato. Al termine della due giorni di riunioni dei ministri della Difesa della NATO è stato il segretario generale, Jens Stoltenberg, a tracciare il bilancio: “Le nostre relazioni con Mosca sono molto difficili, ma questo incontro ha confermato il forte supporto tra alleati e partner, che è stato rinnovato con decisione”.

La preoccupazione maggiore per i ministri della Difesa rimane il fatto che “nonostante abbiamo cercato di impegnarci per anni in un dialogo costruttivo, la Russia ha aumentato il suo atteggiamento repressivo in patria e aggressivo all’estero“, ha continuato Stoltenberg in conferenza stampa. Destabilizzazione di Ucraina, Georgia e Repubblica di Moldova, sostegno della repressione in Bielorussia e interferenze nei Balcani occidentali: “La Russia continua il suo rafforzamento militare ad ampio raggio dal Baltico al Mar Nero, dal Medio Oriente al Nord Africa, dal Mediterraneo all’Artico”, sfruttando sistemi come “gli attacchi informatici e i tentativi di influenzare le elezioni in Paesi terzi“.

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg (fonte: NATO)

La risposta degli alleati è “ferma e coerente”, ha ribadito con forza il segretario della NATO: “Sul fronte interno, chiediamo a Mosca l’immediato rilascio di Alexei Navalny”, l’oppositore del presidente Putin arrestato lo scorso 17 gennaio (dopo l’avvelenamento nell’agosto 2020), “e degli altri manifestanti pacifici”. Sul fronte esterno, è stato invece intimato “l’abbandono dell’aggressività e il ritorno al tavolo del Consiglio NATO-Russia“. Stoltenberg ha confermato di credere ancora nel dialogo, “soprattutto in un momento difficile come questo”. Tuttavia, senza un impegno concreto della controparte, “non ci si può aspettare che l’Alleanza non sviluppi un sistema difensivo in concerto con l’Unione Europea e i partner baltici” per rispondere a eventuali minacce russe.

In quest’ottica, giocherà un ruolo fondamentale il rinnovato impegno degli Stati Uniti nella NATO, come confermato dalla presenza a Bruxelles del segretario di Stato, Antony Blinken. “Gli Stati Uniti continuano a sostenere il duplice approccio della NATO nei confronti della Russia”, ha scritto oggi su Twitter. Una strategia che si basa non solo sul tentativo di stimolare il confronto diplomatico, ma anche “rafforzando la nostra deterrenza e difesa, anche con truppe pronte al combattimento nella parte orientale della nostra Alleanza”.

In conferenza stampa il segretario di Stato USA ha spiegato che la prospettiva non è quella di un confronto armato con la Russia, perché “nonostante le nostre relazioni rimangano una sfida, da parte dell’Alleanza c’è l’intenzione di dimostrare che abbiamo interessi comuni con Mosca per la stabilità strategica mondiale“. In ogni caso, Blinken ha confermato apertamente che “se la controparte non abbandonerà la sua politica aggressiva, saremo al fianco dei nostri alleati per rispondere a ogni minaccia”. Questo “è il significato nella pratica della volontà statunitense di rivitalizzare l’Alleanza atlantica”, ha concluso Blinken.

 

I ministri della Difesa dell'Alleanza preoccupati dal rafforzamento militare di Mosca e dall'atteggiamento repressivo in patria. Il segretario generale Stoltenberg ha avvertito che "se non tornerà al tavolo comune, continueremo lo sviluppo del nostro sistema difensivo"
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Politica Estera

Vertici UE ad Ankara per tendere la mano a Erdogan. Von der Leyen avverte: "Diritti umani non negoziabili"

I presidenti di Commissione e Consiglio in visita in Turchia per discutere di come rilanciare un dialogo costruttivo. Michel: "Ora alla Turchia cogliere questa opportunità in modo solido e sostenibile". Von der Leyen "molto preoccupata" che Ankara si sia chiamata fuori dalla Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne: "Segnale sbagliato"
Exit mobile version